Menù di Navigazione Pagine

MACCHINA FOTOGRAFICA CON CUSTODIA (MANCANTE) E DUE CHASSIS

Numero inventario antico: 3059
Numero inventario attuale: /

STRUMENTO: MACCHINA FOTOGRAFICA CON CUSTODIA (MANCANTE) E DUE CHASSIS

Epoca: Inizio ‘900

Costruttore: R. A. GOLDMANN-Fabrik fotogr. Apparate-Wien, IV.Victorg.14. (Tale marchio è impresso su di una targhetta di avorio fissata sulla parte superiore del telaio).

Materiali: Ottone, acciaio, legno, ferro, pelle, vetro, avorio

Dimensioni: chiusa: 150 x 181 x 176; aperta: 150 x 203 x 176; chassis: 119 x 159 x 17 mm

Stato di conservazione: Buono, ma manca la custodia.

Notizie: Dal registro d’inventario più antico, rinvenuto nel liceo, risulta che la macchina fotografica è stata inserita in inventario il 31/5/1935 per £ 1800, con il numero 3059.

Descrizione: Si tratta di una macchina fotografica a doppio soffietto che, racchiusa, forma una scatola munita di fori filettati che permettono di avvitarla su di un cavalletto. La parte anteriore, sul cui telaio si legge inciso il numero 6276, scorrendo su cerniere poste lateralmente permette al soffietto di estendersi. Il telaio in legno che trattiene l’obiettivo, l’otturatore, il mirino, l’autoscatto e un indice, scorre verticalmente tra due guide, consentendo il decentramento e può essere fissato nella posizione desiderata tramite due manopoline. La porzione posteriore costituita da una cornice in legno in cui possono inserirsi alternativamente o la lastra in vetro smerigliato o gli chassis provvisti di lastre fotosensibili, può scorrere su due guide permettendo, tramite una vite micrometrica, una ulteriore estensione del soffietto per una corretta messa a fuoco. La posizione del telaio viene indicata grazie ad una lancetta su di una scala (in avorio) graduata da 1 a 12, posta lateralmente alla porzione posteriore in prossimità di una livella ad olio. Quando viene aperta al massimo la micrometrica la lancetta si posiziona sul numero 1; richiudendo il soffietto essa va spostandosi fino all’estremità opposta, grazie al suo collegamento tramite una asticella in ottone ad un terzo telaio in legno posto centralmente. Tale telaio è collegato alla porzione posteriore tramite un dispositivo di ottone che consente di bloccare il massimo scorrimento azionato dalla micrometrica, mentre può essere agganciato alla porzione anteriore tramite una asticella in ottone bloccando la massima estensione del soffietto. La porzione centrale porta superiormente una seconda livella ad olio posta in prossimità della targhette recante il nome del costruttore, e, lateralmente, una maniglia in cuoio fissata da due morsetti in cuoio. L’obiettivo con relativo diaframma, regolabile per mezzo di un indice scorrevole, è montato su una ghiera di ottone su cui è incisa la scritta: Gruppen Antiplanet 75 mm fissata su una tavoletta di legno che si inserisce a baionetta sulla tavoletta di legno anteriore. È composto da due lenti convesse identiche separate da un diaframma ad iride. Sulla superficie cilindrica dell’obiettivo si legge la scritta: Steinhl in München n. 41195.

Uso: La macchina è corredata da due chassis in legno scorrevoli dentro un telaio. Su entrambi gli chassis sono incisi rispettivamente i numeri 9 e 10, e al di sopra di essi è incisa la scritta R.A. GOLDMANN-Wien. Sullo chassis n. 9 è incollata un’etichetta di carta sulla quale si legge “16 E”. Estraendo gli chassis si può osservare nella parte centrale del telaio, una molletta in acciaio avvitata ad una estremità che ha la funzione di trattenere la lastra fotografica in vetro. La custodia della macchina non è stata trovata.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *